Globe

Saxones

una nuova storia della vecchia sassonia

5.4. a 18.8.2019

La Bassa Sassonia oggi ha circa otto milioni di persone. Hanno le loro radici ovunque in Europa e nel mondo. Molte famiglie sono state insediate qui per secoli, alcune forse fin dal primo medioevo. A quel tempo quasi tutti gli abitanti del paese erano chiamati "sassoni". Oggi sono i discendenti di questi "vecchi sassoni" della Bassa Sassonia? Da dove viene il nome "Sachsen" e chi erano?

In cooperazione, il Braunschweigische Landesmuseum e il Landesmuseum Hannover 2019 presentano una nuova storia per la Bassa Sassonia in una grande mostra congiunta. La mostra ripercorre il mito dei "vecchi sassoni".

Fatti e opinioni

chi sono i vecchi sassoni?

Gli archeologi e gli storici hanno la storia di 1. a 10. Secolo Chr .. Nella odierna Bassa Sassonia, ma anche in Vestfalia fondamentalmente rivisto. La ben nota storia della conquista di queste zone da parte della tribù germanica dei "vecchi sassoni", ma anche la presunta democrazia precocemente praticata, fu messa in discussione criticamente. Il mito si rivelò non solo come romanticamente trasfigurato, ma anche come ricercato politicamente - ed era già usato nell'alto medioevo per giustificare le rivendicazioni al potere. Esplora il mito della Sassonia con noi: dividiamo i fatti e le opinioni!

tempo testimoniano

lontano e strano

Molte credenziali di alto livello di across the 1. Millennium dalle collezioni tedesche e internazionali sono riuniti qui per la prima volta. La mostra presenta 160 in parte complessi estesi di reperti archeologici e intorno a importanti oggetti singoli di 60: gioielli preziosi e armi da tombe, manoscritti unici e documenti reali. Sono gli ultimi testimoni di un'epoca lontana. Che siano preziosi tesori, magnifici oggetti funerari o oggetti banali di tutti i giorni: questi testimoni contemporanei forniscono in modo inaspettato spunti concreti sulla vita di una società arcaica all'incrocio di ex aree culturali europee. Quello che ci dicono è alieno e vicino allo stesso tempo.

identità e miti

chi è "noi"? e perché?

I miti antichi e le narrazioni storiche creano identità. A chi appartiene quando diciamo "noi?" I risultati scientifici moderni offrono nuove sorprendenti prospettive sull'emergere di identità e sulla loro trasformazione in 1. Millennio dC Secondo il mito popolare secondo cui gli antichi sassoni sono gli antenati della Bassa Sassonia, la mostra giustappone le moderne conoscenze storiche sull'emergere della potente identità sassone dell'alto Medioevo. La storia della sconfitta romana nella foresta di Teutoburgo fino all'ascesa dei nobili sassoni ai re dell'Impero tedesco franco-orientale appare oggi sotto una nuova luce. Scopri la storia dietro il mito!

un gioco di trono

guerra e politica nel cuore dell'Europa

Il Niedersächsische Landesausstellung racconta la storia tra l'Harz e il Mare del Nord nel 1. New Millennium: è una storia politica, una narrativa di vincitori e vinti. Anche qui l'ascesa e la caduta dell'impero romano hanno avuto il loro effetto. I membri della classe superiore sono altamente mobili e molto in rete. Loro stessi diventano impulsi negli affari europei. Allo stesso tempo, i re stranieri competono per la supremazia nel paese, diverse culture si incontrano. La lotta per il potere, l'influenza e la prosperità nelle regioni non è guidata dai mezzi della diplomazia: scontri violenti, matrimoni politici o lealtà acquistate sono strumenti comuni della politica. Le decisioni di potenti famiglie hanno posto le basi per lo sviluppo dell'intero Paese. "Il Trono di Spade" - a portata di mano.

il vincitore scrive la storia

da dove vengono i sassoni?

In epoca romana, il nome "Saxones" era un nome per pirati e pirati. Solo da 7. Nel 19 ° secolo dC, gli abitanti della Bassa Sassonia e della Vestfalia furono chiamati "Sassoni", cioè "Sassoni". Una parolaccia? I sassoni non volevano riconoscere la regola del re franco. Solo Carlo Magno poteva sottometterla. Ma solo poche generazioni dopo, un nobile sassone salì al trono franco con Enrico I. Gli successe il figlio imperatore Ottone I, ora l'uomo più potente d'Europa. Nel monastero di Corvey, il monaco Widukind ha scritto la storia di questi uomini orgogliosi nella 10. Secolo - e così fondò il mito di Sassonia. La sua storia affascina ancora oggi.

incontrare e salutare

punto di riferimento umano

Affascinanti ritratti e scene di sopravvivenza ti permettono di condividere momenti ed eventi importanti nella vita di nove persone che vivono in Bassa Sassonia e Vestfalia. Le immagini colorate provengono da Kelvin Wilson, uno dei più importanti illustratori archeologici in Europa. Le sue opere sono il risultato di un'intensa esplorazione artistica della ricerca storico-archeologica. Le sue illustrazioni espressive incontrano il loro soggetto con rispetto: nel contatto visivo con gli individui storici ritratti da lui piuttosto che ricostruiti, la distanza temporale tra loro e noi si estingue - un passato immaginario diventa per un momento un regalo memorabile.

Edificio
Approccio

Metropolitana: Aegidientorplatz
Autobus: linee Rathaus / Bleichenstraße 100 e 200
Linea Rathaus / Friedrichswall 120
Parcheggio nelle strade circostanti

orari di apertura

Da martedì a venerdì 10 - Orologio 17
Sabato e domenica 10 - Orologio 18
Chiuso il lunedì

biglietti d'ingresso

10 € | ridotto 8 € | Famiglie 20 €
comprese le raccolte